NEWS

POLE E VITTORIA PER VORTEX ALL’EUROPEO IN ITALIA

Nell’ultimo round del FIA Karting European Championship OK-OKJ al Franciacorta Karting Track, il motore DJT ottiene il miglior tempo in qualifica e il successo in finale nella categoria “Junior”. Medaglia di bronzo in campionato per l'unità DST, nella “Senior”.

12-07-2022

OKJ – Il nostro motore DJT conquista il secondo successo nel campionato europeo, in occasione dell’ultima tappa di Franciacorta. Le qualifiche sono subito contraddistinte da ottime performance, con Jimmy Helias (Tony Kart Racing Team) che fa registrare la pole position assoluta della “Junior”, che vede al via circa 80 partenti. Nella classifica combinata, altri cinque piloti con propulsori Vortex occupano un posto nella Top 10, a conferma delle qualità velocistiche assolute che il motore DJT sa offrire. Ancora più marcato il dominio nel corso delle qualifying heat: su 15 gare in programma, 10 vittorie e 7 giri veloci sono ottenuti proprio dall’unità DJT, a cui si aggiungono un successo e un best lap nelle due super heat di domenica mattina.

Quasi il 40% dello schieramento di partenza della finale vede concorrenti spinti dai motori DJT marchiati Vortex. In una corsa ricca di colpi di scena e battaglie serrate, Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team) non sbaglia nulla e pone il suo primo sigillo in assoluto in un round dell’europeo, oltre a classificarsi secondo in campionato. Le eccezionali doti velocistiche di Vortex permettono a Thomas Strauven (Ricky Flynn Motorsport), a Marcus Saeter (Ward Racing), a Marcel Kasprzycki (Ward Racing) e a Guy Albag (Ward Racing) di scalare notevolmente la classifica e tutti e quattro concludono la prova nella Top 10: sommando, sono ben 81 le posizioni guadagnate.

In finale troviamo al via anche per Elliot Kaczynski (Ward Racing), Alp Hasan Aksoy (Tony Kart Racing Team), Maria Germano Neto (Tony Kart Racing Team), Dmitry Matveev (Koski Motorsport), Guillaume Bouzar (Koski Motorsport), Enzo Tarnvanichkul (Tony Kart Racing Team), Kirill Dzitiev (Ward Racing), Salim Hanna (Ward Racing) ed Helias.

Nell’arco dell’intero campionato, Vortex totalizza 2 vittorie (su 4) in finale, 5 (su 8) nelle super heat e 29 nelle qualifying heat (quasi la metà delle manche disputate), oltre a fare l’en-plein in qualifica con 4 pole position. Dati che confermano l’ottima competitività del motore DJT nella categoria “Junior” dei kart monomarcia.

OK – Il nostro DST sfiora il titolo europeo per soli 3 punti nella classe regina dei kart monomarcia. Joseph Turney (Tony Kart Racing Team) si presenta in Italia da capoclassifica, forte delle due vittorie ottenute nei primi due round di Portimao (Portogallo) e Zuera (Spagna). Purtroppo, il britannico trova diversi ostacoli nel proprio cammino del weekend ed è costretto ad accontentarsi della Top 3 nel campionato europeo, dopo aver già conquistato in questa stagione i titoli della WSK Super Master Series e della Champions of the Future Euro Series.

In finale, spazio per il duo formato da Walther David (Koski Motorsport) e Tuukka Taponen (Tony Kart Racing Team). Il danese, autore di una vittoria nelle qualifying heat e tra i più veloci nei warm-up di sabato e domenica mattina, si gioca un posto sul podio fino all’ultimo metro e termina quarto per questione di pochi decimi di secondo. Dal canto suo, il campione del mondo OK in carica - vincitore della super heat A di domenica mattina - mantiene il passo degli avversari che lo precedono, senza però trovare il guizzo necessario per terminare la corsa più in alto in classifica. Significativa rimonta di 12 posizioni per James Egozi (Tony Kart Racing Team), il terzo dei piloti Vortex classificati tra i primi dieci.

La classifica della finale prosegue poi con i piazzamenti di Oscar Pedersen (Ward Racing), Albin Stureson (JP Racing), Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport), Eemili Koivisto (Koski Motorsport), Ean Eyckmans (EGP Racing Team), Caspian Hagman (Ward Racing) e Luigi Coluccio (Tony Kart Racing Team).

Il bottino stagionale finale del motore DST nella “Senior” è davvero di rilievo, con 2 vittorie (su 4) in finale e 27 successi nelle qualifying heat (circa il 45% delle manche disputate).